Iscrizioni OPI - Emergenza COVID-19

NUOVA ISCRIZIONE

ORDINE DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

MILANO LODI MONZA E BRIANZA

Vista l’Emergenza Nazionale Covid-19;

Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 04 marzo 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale (G.U. Serie Generale, n. 55 del 04 marzo 2020);

Si comunica ai nuovi iscritti la seguente procedura straordinaria, data l’eccezionalità della situazione, per la nuova iscrizione all’OPI MILOMB.

I documenti per l’iscrizione potranno essere inviati tramite email al seguente indirizzo:

info@opimilomb.it

Documenti necessari:

  1. Domanda di iscrizione compilata in stampatello e firmata (Domanda Iscrizione PDF)
  2. Fotocopia del Documento di identità (carta d’identità o passaporto in carta semplice)
  3. Fotocopia del codice fiscale (in carta semplice)
  4. 2 fotografie formato tessera scansionate a colori (le fotografie originali dovranno essere consegnate successivamente presso l’Ordine alla riapertura degli uffici. La chiusura/apertura seguirà le Ordinanze Regionali/Nazionali)
  5. Attestazione del versamento sul C/C postale n. 8003 di Euro 168,00 intestato a Concessioni Governative (barrare cod. 8617 e rilascio)
  6. Copia del Bonifico Bancario

Inoltre, tramite BONIFICO BANCARIO al Conto corrente OPI (Ordine Professioni Infermieristiche di Milano Lodi Monza e Brianza, Banca Popolare di Sondrio - IBAN IT54Z0569620700000004367X28) dovrà essere effettuato il pagamento complessivo di euro:

Se la laurea è stata conseguita nell'anno in corso (2020)

Euro 31,50 che include la tassa iscrizione (€ 10,00), immatricolazione (€ 5,50) e marca da bollo (€ 16,00)

Se la laurea è stata conseguita prima del 31/12/2019
Euro 101,50 che include la tassa iscrizione (€ 80,00), immatricolazione (€ 5,50) e marca da bollo (€ 16,00)

Scarica le modalità di iscrizione

Polizza per la responsabilità professionale POLIZZA


Cittadinanza non UE titolo conseguito in Italia
Cittadini non UE - titolo conseguito in un paese EXTRA UE
Cittadinanza UE con titolo conseguito in paese UE

PER PROFESSIONISTI IN STATO DI QUIESCENZA
A seguito dell’emanazione del DL 14/2020 con particolare riferimento all’art. 1 comma 6 che letteralmente dispone:

Fino al 31 luglio 2020, al fine di far fronte alle esigenze straordinarie e urgenti derivanti dalla diffusione del COVID-19 e di garantire i livelli essenziali di assistenza, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, in deroga all'articolo 5, comma 9, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, e all'articolo 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, verificata l'impossibilità di assumere personale, anche facendo ricorso agli idonei in graduatorie in vigore, possono conferire incarichi di lavoro autonomo, con durata non superiore ai sei mesi, e comunque entro il termine dello stato di emergenza a personale medico e a personale infermieristico, collocato in quiescenza, anche ove non iscritto al competente albo professionale in conseguenza del collocamento a riposo. I predetti incarichi, qualora necessario, possono essere conferiti anche in deroga ai vincoli previsti dalla legislazione vigente in materia di spesa di personale, nei limiti delle risorse complessivamente indicate per ciascuna regione con il decreto di cui all'articolo 17. Agli incarichi di cui al presente comma non si applica l'incumulabilità tra redditi da lavoro autonomo e trattamento pensionistico di cui all'articolo 14, comma 3, del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26.

Per quanto sopra indicato, il professionista Infermiere collocato a RIPOSO dovrà rivolgersi direttamente alle Aziende Ospedaliere, che a fronte di esigenze straordinarie e urgenti emergenza Covid19, stipuleranno incarichi di durata massima di MESI 6 senza dover presentare DOMANDA DI ISCRIZIONE all’Ordine.

Polizza per la responsabilità professionale POLIZZA

PER PROFESSIONISTI CITTADINI STRANIERI COMUNITARI E CITTADINI STRANIERI NON COMUNITARI

L’Art 13 del citato DL 18/2020 titolato Deroga delle norme in materia di riconoscimento delle qualifiche professionali sanitarie letteralmente dispone:
Per la durata dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, in deroga agli articoli 49 e 50 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999 n. 394 e successive modificazioni, e alle disposizioni di cui al decreto legislativo 6 novembre 2007 n. 206 e successive modificazioni, è consentito l'esercizio temporaneo di qualifiche professionali sanitarie ai professionisti che intendono esercitare sul territorio nazionale una pro-fessione sanitaria conseguita all’estero regolata da specifiche direttive dell’Unione europea. Gli interessati presentano istanza corredata di un certificato di iscrizione all'albo del Paese di provenienza alle regioni e Province autonome, che possono procedere al reclutamento temporaneo di tali professionisti ai sensi degli articoli 1 e 2 del decreto legge 9 marzo 2020, n. 14

Per quanto sopra indicato i professionisti stranieri comunitari e non comunitari che giungono in Italia per collaborare fattivamente con il personale sanitario impegnato negli Ospedali dovranno presentare solo un’istanza corredata da un certificato di iscrizione all’albo del Paese di provenienza direttamente alle Regioni e Province autonome.

Relativamente invece agli stranieri che richiedono l’iscrizione all’albo dovranno svolgere l'esame volto all’accertamento della conoscenza della lingua italiana e delle speciali disposizioni che  regolano l'esercizio professionale in Italia.